Avviso: su questo sito si utilizzano i cookie!


Se vuoi saperne di più  fai click sul pulsante "informativa cookie". Facendo click sul pulsante "Accetto" si acconsente ad utilizzare i cookie e potrai continuare a navigare nel sito

logofrezzottiCorradini
miur logo

Sede Legale: Via Quarto, 49 - 04100 - LATINA

Sede Operativa. Via Amaseno, 29 – 04100 LATINA 

Telefono Segreteria: 0773/697768 - Fax 0773/484311

E-mail:ltic85000t@istruzione.it

Posta Elettronica Certificata: ltic85000t@pec.istruzione.it

Ultime News
Leccornie per tutti!

Leccornie per tutti!

La prova del cuoco a Carnevale con tutti i bambini della scuola dell'infanzia di via Quarto Abbiamo preparato insieme tante leccornie per tutti!!!
Buon Carnevale!

Buon Carnevale!

BUON CARNEVALE A TUTTI DALLE DOCENTI DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA DI VIA QUARTO    
Carnevale!

Carnevale!

Martedì grasso della Sezione B gialli della scuola dell'infanzia di via Quarto Arte e immagine ...... Il dipinto di Paul Cézanne raffigura Arlecchino e Pierrot che escono da dietro le…
Carnevale!

Carnevale!

I bimbi grigi (3 anni) della Scuola dell'Infanzia di via Quarto conoscono con entusiasmo e rappresentano la storia di Peppalacchio e Peppa, le due maschere della tradizione carnevalesca setina (i fantocci…
IL NOSTRO CARNEVALE!

IL NOSTRO CARNEVALE!

I bambini arancioni di via Quarto per il giovedì grasso hanno ritagliato coppie di coriandoli giganti e strisce di carta di uguale colore. Li hanno poi incollati in ordine sparso…
Ultimi Documenti e Circolari
26 Febbraio 2020 14:07
26 Febbraio 2020 13:19
26 Febbraio 2020 13:13
Concorso 100xRodari2020 (Comunicazioni Docenti)
25 Febbraio 2020 15:39

ASCOLTARE PER RICORDARE

OrangeDream - Ufficio stampa 7/02/2020 

orangedream1

E’ un progetto dell’Associazione Orange Dream. E’ Cofinanziato dalla Regione Lazio Direzione CULTURA E POLITICHE GIOVANILI, Area VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE. Memoria di Giunta Regionale 23 ottobre 2018 “Programma di attività della Regione Lazio concernente la Storia e la Memoria”. Avviso Pubblico per la presentazione di domande di contributo relative a “Iniziative per la costruzione di un archivio della memoria storica del Lazio”.  Annualità 2019.

I destinatari del progetto sono le giovani generazioni, in particolare attraverso i partenariati attivati vedono la partecipazione di 15 studenti delle classi 3 Liceo Classico Dante Alighieri di Latina e 15 studenti delle classi 3° Medie Istituto Comprensivo Frezzotti-Corradini di Latina. Il progetto al fine di sostenere percorsi di ricerca storica e migliorare la conservazione dei beni storici, vede la realizzazione di un documentario realizzato dai giovani studenti.

fotoorangedream

Il documentario sarà una vera e propria ricostruzione storica grazie ai ricordi dei principali testimoni di un periodo storico che ha visto sensibilmente toccato il nostro territorio. Partendo dalla seconda guerra Mondiale, passando per le persecuzioni degli ebrei fino ad arrivare alla resistenza ed i movimenti antifascisti sempre del Lazio. Scegliamo di produrre un materiale divulgativo come un video non solo per l’esperienza maturata negli anni dalla nostra Associazione ma soprattutto perché l’audio-visivo è un prodotto immediato, che può essere divulgato in maniera veloce.

Attraverso la visita di luoghi storici ed il racconto di chi ha vissuto quegli anni i giovani di oggi potranno non solo realizzare un documento importante al fine della conservazione storica ma ci auguriamo possano sensibilizzarsi a fatti storici molto lontani da loro che però hanno profondamente influenzato il nostro territorio modificandolo del tutto.

Partito da diverse settimane il progetto di Orange Dream “Ascoltare per ricordare”, cofinanziato dalla Regione Lazio Direzione Cultura e Politiche Giovanili in merito alle iniziative per la costruzione di un archivio della memoria storica del Lazio. Le attività si stanno svolgendo con la collaborazione del Liceo Classico Dante Alighieri e l’Istituto Comprensivo Frezzotti-Corradini, 30 giovani dei due istituti stanno lavorando fattivamente alla realizzazione di un documentario con il supporto tecnico dell’Associazione.

Il documentario sarà una vera e propria ricostruzione del passato grazie ai ricordi dei principali testimoni di un periodo storico che ha visto sensibilmente toccato il nostro territorio, partendo dalla costruzione di Latina, fino alla seconda Guerra Mondiale, passando necessariamente per le persecuzioni delle leggi razziali e lo sbarco di Anzio.

L’Associazione ha scelto di produrre un materiale divulgativo come un video non solo per l’esperienza maturata negli anni della stessa, ma soprattutto perché l’audio-visivo è un prodotto immediato, che può essere divulgato in maniera veloce perfettamente in linea con il target giovanile di riferimento.

I 30 ragazzi accompagnati dallo staff dell’Associazione e dai tutor scolastici hanno visitato nei giorni scorsi, il “Museo della Shoah” e la “Casa della Memoria” di Roma. Nelle due location storiche i giovani hanno inoltre potuto intervistare Silvana Ajò Cagli e Pupa Garribba, due ultraottantenni sopravvissute alla Seconda Guerra Mondiale. Due storie molto diverse quelle delle due anziane signore ma entrambe accomunate da una forza grandissima e da una lucidità nei racconti che ha toccato i giovani studenti. La visita e le interviste in esclusiva per il progetto sono state realizzate grazie alla collaborazione del Museo della Shoah, il Dipartimento Attività Culturali di Roma Capitale e l’Istituzione Sistema Biblioteche Centri Culturali di Roma.

Toccante anche la visita nei giorni successivi al Museo dello Sbarco di Anzio ed al Cimitero Militare Americano di Nettuno. Il Museo è stato inaugurato in occasione del 50° anniversario dello sbarco di Anzio il 22 gennaio 1994 ed è collocato in una delle sale della seicentesca Villa Adele, realizzato su iniziativa dei soci del “Centro di ricerca e documentazione sullo sbarco e la battaglia di Anzio” la struttura è divisa in quattro sezioni: Americana, Inglese, Tedesca e Italiana.

Soddisfazione dello staff di Orange Dream, soprattutto per aver offerto a giovani del territorio un’esperienza unica. Un plauso va alle Dirigenti Scolastiche Roberta Venditti ed Eleonora Lofrese, per aver creduto nel progetto ancor prima di aver ottenuto patrocinio.